"Ritengo di aver inventato l'edificio piu' bello del mondo, qui sopra rappresentato. Si tratta di una struttura in acciaio, alta 60 metri, con un'apertura di 180 metri, nei due sensi, alla base degli archi, i quali racchiudono volumi da adibire ad usi commerciali o abitativi. Sotto gli archi lo spazio e'  libero per boschi, giardini, oppure campi da tennis, piscine od altro. Ci sara' un sindaco o un Comitato Olimpico o un'Ente Fiera che voglia fare di quest'opera il simbolo della sua citta'" "Le gocce d'acqua che cadono sul territorio italiano e poi raggiungono il mare compiono un dislivello complessivo di almeno 2500 metri in media, compiendo un lavoro gravitazionale pari a circa 1635 miliardi di kWh. La metà di questo viene compiuto strisciando sul territorio formando torrenti e fiumi. A sua volta, solo il 6 % di questo viene catturato e sfruttato dagli impianti idroelettrici italiani. Io credo che potremmo intercettarne un altro 3% cioè altri 20 miliardi di kWh/anno. " "PALESTRA AD ORTE (2012) Inaugurata nel Maggio del 2012. Struttura portante realizzata con archi parabolici in legno lamellare: altezza = metri 13; apertura alla base = metri 30. Calcolati per nevicata eccezionale e per venti a 150 km/ora." "Con l'aiuto di alcuni amici l'ho fatta costruire nel garage di uno di essi, con pochi kg di tubolare di acciaio, tre ruote da carrelli al traino, un sistema sterzante e frenante di una vecchia 500 , due sedili, nonche' due batterie da camion (70 kg) che azionano un motore elettrico da 3 kW a 12 Volt, con trasmissione a catena."

Progetti di centrali idroelettriche

 

 

Impianto a biogas

CENTRALE IDROELETTRICA SUL TEVERE(1988). Progetto, calcoli e direzione lavori di tutte le opere connesse. Sfrutta 40 mc al secondo su 5 metri di salto e produce 5 milioni di kWh/anno, sufficienti per 5000 abitanti.    

 

 

CENTRALE IDROELETTRICA ALVIANO 2 (1989). Progetto ideato e redatto per l'ASM di Terni. Sfrutta un massimo di 160 mc/secondo su un salto di 4 metri per una producibilità di circa 16 milioni di kWh/anno. Calcoli e direzione lavori furono poi affidati ad altri per motivi che è meglio non specificare.


Turbina pelton

TURBINA PELTON (1992). Costruzione artigianale; Potenza 400 kW, a 4 getti. Salto 110 metri.  


 

 

 

 

TANARO-MARE (1995). Progetto di un impianto idroelettrico (per una societa' privata) con opera di presa a Garessio, sul fiume Tanaro, e restituzione nel Mar Ligure; salto di metri 600, producibilita' di circa 160 milioni di kWh/anno. Canale di adduzione, condotta forzata, centrale e canale di restituzione, erano opere previste tutte in caverna, compreso lo sbocco nel Mar Ligure. L'ostilita' dei comuni della val Tanaro ha infine spento le speranze di realizzazione del progetto.

FIUME PESCARA (1997). Progetto di due centrali idroelettriche di 5 metri di salto ciascuna, Santa Teresa E Villanova.

ALTO CORSALONE (2005). Impianto idroelettrico: progetto, calcoli e direzione lavori, in comune di Bibbiena; salto di 40 metri per una portata massima di 1,8 mc/secondo.  

Centrale idroelettrica Alto Corsalone
Centrale idroelettrica Alto Corsalone
Centrale idroelettrica Alto Corsalone

 

FIUME MONTONE (2009) CENTRALE IDROELETTRICA DI VILLA ROVERE (FORLI)

La produzione di energia è stimata in circa 1,3 milioni di kWh/anno in media, pari al consumo medio annuo di 1300 persone per usi civili. E’ iniziata la produzione a metà gennaio 2011 e ad oggi il contatore segna quasi 650 mila kWh prodotti.  Portata massima 8 mc/sec.

Centrale idroelettrica Villa Rovere
Centrale idroelettrica Villa Rovere
Centrale idroelettrica Villa Rovere
schema impianto idrelettrico villa rovere

1 Briglia esistente sul fiume Montone; alta 9 metri, 2 Canale di carico, 3 Condotta forzata; diametro = 180 cm, 4 Blocco in c.a. per alloggiamento turbine, 5 Canale tubolare di restituzione in c.a., 6 Vecchio canale in terra per Forlì.

(3,4,5 : strutture interrate)  

 

FIUME SAVIO (2009) CENTRALE IDROELETTRICA DI MONTECASTELLO (Mercato Saraceno FCI)  La produzione di energia è stimata in circa 2,5 milioni di kWh/anno in media, pari al consumo medio annuo di 2500 persone per usi civili.  Portata massima 8 mc/sec.

Centrale idroelettrica Villa Rovere
Centrale idroelettrica Villa Rovere
Centrale idroelettrica Villa Rovere

1)Briglia sul fiume Savio, alta metri 3, 2) Canale di carico, 3) Condotta in pressione in c.a. lunga metri 300, 4) Imbocco galleria esistente, 5) Blocco turbine in c.a., 8) Parete rocciosa verticale, alta 25 metri (2,3,5 : strutture interrate), Dislivello geodetico = metri 9,50


FIUMI: Tevere, Nera,Vomano, Liri, Volturno, Biferno, Chiani, Chienti, Topino. Progetti per n. 25 impianti idroelettrici, tutti in attesa di concessioni, tra impedimenti burocratici di vario tipo.  

PRO.TE.O. (Progetto Tevere Orte) Si prefigge lo scopo di produrre energia idroelettrica dal fiume Tevere, lungo un'asta di 20 km compresa tra il lago di Alviano ed Orte. Dislivello geodetico = m 19,1 suddiviso in n° 4 salti consecutivi ad acqua fluente. Ciascun salto è equipaggiato con 4 turbine ad asse verticale da 40 mc/secondo ciascuna. Dislivello utile complessivo = metri 16 Portata media annua = circa 50 mc/secondo Portata massima turbinabile= 160 mc/secondo Produzione annua stimata = 60 milioni di kWh.

L'ing. Petesse ha ideato l'intera opera alla fine degli anni 90 ed ha effettuato i rilievi nel 2001. Successivamente ha redatto il progetto di massima, il definitivo e l'esecutivo.

Sezione centrale idroelettrica sul Tevere

Planimetria del progetto centrali idroelettriche sul Tevere

jg